Tromboflebite delle vene profonde e superficiali: acuta e cronica. Diagnosi, trattamento, prevenzione


Tra le malattie vascolari, ce n'è una che i medici considerano la più insidiosa, con conseguenze difficilmente prevedibili. Questa è tromboflebite degli arti inferiori. Questo è il nome del processo infiammatorio delle pareti venose, che porta alla formazione di un trombo nel lume venoso. La malattia che si sviluppa nei vasi delle gambe è la forma più comune. Ma a volte (anche se molto meno spesso) si trovano altre forme di essa: tromboflebiti degli arti superiori, nonché regioni cervicali e toraciche.

Ogni persona ha una rete di vene localizzate sulla superficie (sotto la pelle) e nascoste in strati più profondi. A seconda di questo, ci sono due tipi di malattia:

  1. Tromboflebite delle vene profonde degli arti inferiori (la sua designazione medica è la flebotrombosi);
  2. Tromboflebiti delle vene sottocutanee e superficiali.

A volte le pareti dei vasi venosi si infiammano e non si forma un coagulo di sangue. In questo caso, la malattia è chiamata flebite.

Le cause della malattia

Le cause della tromboflebite: molto. Ma i seguenti sono considerati di base:

  • Predisposizione genetica (ereditaria) alla coagulopatia (formazione di trombi) e allo stato di trombofilia.
  • Spesso la causa dell'infiammazione è la lesione della parete venosa.
  • Una causa comune è la malattia delle vene varicose, che causa una diminuzione della velocità del flusso sanguigno nelle vene, che porta al ristagno del sangue nei vasi.

Inoltre, la tromboflebite può verificarsi dopo l'infezione dall'esterno. Un esempio di tale caso è descritto nel video qui sotto:

La gravità della malattia

Una caratteristica della malattia è che i sintomi della tromboflebite si manifestano più spesso quando la malattia si è già diffusa in vaste aree. E nella fase iniziale, la maggior parte dei pazienti non sospetta nemmeno che il loro corpo sia in pericolo, il che consiste nel sollevare il trombo troppo in alto. Ciò aumenta significativamente la probabilità della sua separazione, dopo di che viene inviato al "nuoto libero" attraverso il sistema vascolare. È impossibile prevedere il suo movimento. Il più pericoloso è l'ingresso di un trombo distaccato nei vasi sanguigni dei polmoni, che porta a un'embolia (sovrapposizione) dell'arteria dell'apparato respiratorio. Questo può causare la morte istantanea (improvvisa).

Espansione, trombo interessa (e può successivamente portare a blocco) le vene principali. Qual è la causa dell'insufficienza venosa cronica? In questo caso, il trattamento della tromboflebite è significativamente complicato.

I sintomi della tromboflebite

L'inizio dell'infiammazione nei vasi venosi è indicato dai seguenti segni che la maggior parte delle persone non presta sempre attenzione a:

  1. Leggero gonfiore delle gambe;
  2. Dolore al polpaccio,
  3. Sensazione di bruciore e pesantezza alle gambe.
  4. Arrossamento della pelle

Nella maggior parte dei casi, i pazienti cercano aiuto medico quando la malattia progredisce. Questo aumenta il gonfiore delle gambe, nella zona della formazione di una pelle coagulo di sangue diventa una tinta bluastra. In negligenza, l'arto può diventare nero. Un coagulo di sangue è solitamente localizzato nelle vene della coscia, della gamba o della caviglia.

Tromboflebiti delle vene superficiali (a sinistra) e delle vene profonde (a destra)

Gruppi di rischio

Ci sono alcune categorie di persone che i medici fanno riferimento al cosiddetto gruppo di rischio. Hanno la più alta probabilità di tromboflebite. Questi includono:

  • Persone che trascorrono molto tempo in una posizione seduta (fissa), viaggiando in aereo o guidando una macchina.
  • Colui che ha subito un intervento chirurgico ed è costretto a osservare per lungo tempo un riposo a letto fisso.
  • Soffrire di vene varicose.
  • Pazienti con sindrome antifosfolipidica, iperomocisteinemia (coagulazione del sangue accelerata).
  • Donne incinte Il rischio di tromboflebite aumenta durante il parto.
  • Thrombophlebitis è un compagno frequente di persone obese obese.
  • Le persone della vecchiaia, conducendo uno stile di vita sedentario.

Video: tromboflebite superficiale e profonda

Esistono diverse sottospecie di tromboflebiti:

Tromboflebite acuta

Segni di tromboflebiti si manifestano più chiaramente nel decorso acuto della malattia, che inizia con la comparsa di un forte dolore lungo la direzione del flusso sanguigno verso la vena colpita. Allo stesso tempo, un cambiamento nel colore della pelle è evidente. Diventa cianotico con una griglia espansa di vasi sanguigni sulla superficie. Sullo sfondo dell'aumento della temperatura corporea, la gamba malata rimane fredda. Dolore, come se la scoppiasse. Istintivamente, il paziente cerca di tenerla in una condizione elevata, cercando di ridurre il dolore.

Ai primi sintomi di tromboflebite acuta, dovresti chiamare immediatamente un dottore e mettere a letto il paziente. In questo caso, prima dell'arrivo dei medici, è severamente vietato eseguire qualsiasi trattamento (unguento per sfregamento, eseguire procedure di massaggio, applicare impacchi, ecc.). Ciò potrebbe innescare la separazione di una parte di un coagulo di sangue e il suo ingresso nei polmoni o in altri organi interni.

Separazione di un coagulo di sangue durante l'esacerbazione della tromboflebite

Inoltre, la forma acuta di tromboflebite si trasforma molto velocemente in complicazioni - tromboflebite gangrenosa o ischemica, catarro bianco o blu. Sono accompagnati da un aumento del dolore e aumentando, letteralmente ogni minuto, gonfiore. La pelle diventa prima pallida, poi acquisisce una tonalità viola. Pertanto, l'assistenza medica più rapida è fornita, maggiore è la probabilità di evitare conseguenze gravi.

trattamento

Il trattamento della forma acuta della malattia viene selezionato in base allo stato delle navi, alla natura del decorso della malattia, alla posizione del trombo. Di solito, per questo viene utilizzata una terapia conservativa, che include un trattamento locale e generale. I pazienti con diagnosi di tromboflebite acuta dell'avambraccio e della gamba possono essere trattati su base ambulatoriale. Per tutti gli altri tipi, i pazienti vengono inviati all'ospedale. Sono assegnati al riposo a letto, la gamba del paziente è in uno stato sollevato.

La terapia locale include le seguenti procedure:

  1. L'imposizione di uno degli unguenti: Vishnevsky, butadion, o eparina.
  2. Impacchi semi-alcolici o trattamento a freddo, con bendaggio elastico obbligatorio.
  3. Per somministrazione orale farmaci raccomandati per migliorare la microcircolazione, come flexital, theonic, trental, ecc.
  4. Indometacina, carillon, aspirina, ecc. Sono prescritti come inibitori.
  5. Per la correzione del disturbo del flusso sanguigno nelle vene, escuzane, troxevasin, venarouton, detralex possono essere utilizzati.
  6. Preparati per l'anestesia, riducendo il processo infiammatorio e riducendo la temperatura - analgin, reopirina, butadione, ecc.
  7. Per desensibilizzazione - Suprastin, Dimedrol, ecc.

Dopo aver rimosso il processo infiammatorio acuto, si raccomanda un trattamento fisioterapico con lampada Solux, correnti diametriche, UHF per aumentare l'efficienza del riassorbimento del trombo. La ionoforesi con eparina, enzimi proteolitici (chimotripsina, tripsina, ecc.), Nonché con ioduro di potassio, dà buoni risultati. La compressione elastica deve essere continuata per altri due mesi dopo il completamento del trattamento principale, durante l'assunzione di preparazioni flebodinamiche.

L'intervento chirurgico viene effettuato in casi di emergenza, con le seguenti indicazioni:

  • Tromboflebite ascendente della sottocutanea, grande o piccola vena superficiale in forma acuta, con posizione nella parte superiore o nella parte centrale della coscia.
  • La minaccia di embolia polmonare.
  • Coagulo di sangue fusione di essudato purulento.

Nel trattamento della tromboflebite ascendente si usa anche l'obliterazione laser, la cui essenza è nel riscaldare la parete venosa appena sopra il trombo. Ciò consente di rimuovere i nodi venosi anormali dai grandi vasi, arrestando la crescita di un coagulo di sangue con il processo infiammatorio. L'eliminazione della probabilità di spingere un coagulo di sangue all'interno dei vasi è facilitata da un metodo alternativo di conduzione di un raggio laser diretto opposto al movimento del flusso sanguigno. È unico in questo momento.

Con la tromboflebite, un metodo efficace ascendente che non consente a un trombo di svilupparsi e penetrare in vasi situati in profondità è un'operazione associata alla legatura del sito in cui la vena superficiale diventa profonda. Si chiama crosssectomy. La manipolazione viene eseguita utilizzando l'anestesia locale in regime ambulatoriale.

Tromboflebite post-iniezione

Durante la sclerotizzazione dei vasi sanguigni colpiti da vene varicose, a volte c'è una violazione della tecnica di esecuzione della scleroterapia compressiva. Allo stesso tempo, una ridotta compressione della vena nel sito di iniezione (iniezione) di sclerosante porta spesso a infiammazione. Un trombo comincia a formarsi nel lume delle vene, con la minaccia di passaggio a una successiva embolia polmonare. Questa complicanza è chiamata tromboflebite postiniezione. Per evitarlo, si consiglia di rafforzare la compressione utilizzando gommapiuma e cuscini in lattice, nonché bende adesive per scopi speciali.

Forma di post-iniezione sull'esempio del braccio, a causa dell'introduzione di un catetere

In particolare, la compressione insufficiente determina l'insorgenza di ematomi per via endovenosa, che assomigliano a sezioni di vene con coaguli di sangue. Nel loro lume è visibile la massa, tipo catramoso, come parte di quello sclerosante e coaguli di sangue. Si tratta di ematomi endovenosi che portano a tromboflebite acuta.

Il trattamento della tromboflebite post-iniezione è l'applicazione di medicazioni con unguenti medici, l'uso della compressione elastica e farmaci appropriati (come nella forma acuta). A volte, una vena speciale per incidere viene fatta in vena per rimuovere la massa sclerosante.

Tromboflebite cronica

La tromboflebite cronica, contrariamente alla forma acuta, non ha segni e sintomi pronunciati. In questa forma della malattia, i dolori sono periodici, per lo più disturbati dopo il carico sulle gambe (camminare a lungo, ecc.). A riposo, praticamente assente. L'edema è anche insignificante. Pertanto, una persona non ha fretta di cercare aiuto medico.

Nel trattamento della forma cronica, si usa un unguento per la tromboflebite, si raccomanda una compressione elastica costante con bendaggi o calze speciali, esercizi di fisioterapia, procedure fisioterapiche e trattamenti presso località balneari e bagni di fango.

Tromboflebiti delle vene superficiali affette da vene varicose

Una delle forme acute più comuni della malattia è un tipo varicoso di tromboflebite, che è accompagnato da intenso dolore, arrossamento nella direzione della vena, raggiungendo la zona inguinale. In questa forma della malattia, un marcato edema circonda la vena con coaguli di sangue, e diventa esso stesso teso. Man mano che si sviluppa il trombo, l'edema si sposta verso le vene più profonde, che è un sintomo molto pericoloso. Il sintomo principale di questa forma di tromboflebite è il dolore grave mentre si cammina, così come qualsiasi contatto con la vena varicosa. La malattia è accompagnata da febbre e debolezza, che ricorda i sintomi di un comune raffreddore.

Le vene varicose e le tromboflebiti sono malattie correlate. Spesso le vene varicose provocano lo sviluppo di coaguli di sangue nelle vene superficiali e profonde, poiché sono caratterizzate da una lenta velocità del flusso sanguigno nei nodi principali. In questo caso, la tromboflebite è la complicanza più grave delle vene varicose. È molto più comune nel tromboembolismo dell'arteria polmonare e diventa la causa della sindrome post-trombotica.

Nel trattamento della tromboflebite causata dalle vene varicose, la terapia antinfiammatoria viene utilizzata per alleviare il dolore e ridurre il processo infiammatorio. Comprende unguenti ormonali, compresse al 50% di alcol, nonché candele con diclofenac o butydione.

Un ostacolo alla transizione delle tromboflebiti nelle vene, situate negli strati più profondi, è la compressione elastica con biancheria intima speciale (calze, collant) o bende. Per ridurre il gonfiore e l'infiammazione vengono prescritti farmaci per migliorare la circolazione del sangue - anicex, detralex, ecc.

Tromboflebite durante la gravidanza

La gravidanza è il periodo in cui una donna è più spesso esposta a malattie come le vene varicose degli arti inferiori e le tromboflebiti. Ciò è dovuto all'aumento della pressione intrauterina e ai cambiamenti fisiologici nella composizione del sangue. La tromboflebite è più pericolosa nei primi giorni del periodo postpartum. Poiché la maggior parte delle complicazioni sotto forma di tromboembolia si verifica proprio dopo il parto. Il parto è un enorme sovraccarico nel lavoro del sistema vascolare.

  • Innanzitutto, la pressione all'interno della cavità addominale sale da due a tre volte.
  • In secondo luogo, il bambino, passando attraverso il canale del parto, serra le vene del bacino per diversi momenti con la testa.
  • Allo stesso tempo, il tono delle pareti delle vene localizzate sulle gambe diminuisce bruscamente e si verifica la loro espansione.

Tutto ciò porta alla rottura del flusso sanguigno naturale negli arti inferiori e alla formazione di coaguli di sangue.

I primi segni di vene varicose si notano di solito nel secondo trimestre di gravidanza, quando la gestante inizia a ingrassare sensibilmente. All'inizio è la comparsa di vene varicose sulla pelle della gamba, delle cosce o delle caviglie, poi le vene aumentano e il dolore si manifesta. Le gambe di sera cominciano a gonfiarsi sempre di più, a volte ci sono delle convulsioni.

Non appena si manifestano questi sintomi, è necessario consultare immediatamente un flebologo. Condurrà una scansione a colori duplex, al fine di esaminare lo stato del sistema circolatorio e fornire raccomandazioni su come prevenire lo sviluppo di una forma più grave della malattia ed evitare trattamenti complicati.

Durante questo periodo, la prevenzione della tromboflebite è molto importante, che include quanto segue:

  1. Dal momento dei primi sintomi e fino alla nascita, è necessario indossare indumenti a compressione elastica (collant, calze). Un flebologo dovrebbe prenderlo. Poiché una pressione impropria (compressione) può influire negativamente sulle condizioni del paziente, causare disagio durante l'uso, ecc.
  2. È utile fare esercizi terapeutici per le donne in gravidanza, compresi esercizi per migliorare il flusso di sangue nelle vene degli arti inferiori. L'attività motoria non solo protegge dal ristagno di sangue nelle gambe, ma contribuisce anche all'ulteriore apporto di ossigeno al feto.
  3. Ogni giorno, in qualsiasi condizione meteorologica, prima di andare a letto è necessario fare una breve passeggiata (30 minuti).
  4. È necessario garantire che il cibo contenga più prodotti di origine vegetale. Devono essere crudi. Particolarmente utili sono i cocomeri, i meloni, gli ananas. Contribuiscono alla diluizione del sangue e sono biostimolanti di emodiluizione attiva.
  5. Limitare l'assunzione di liquidi, come nel periodo di trasporto di un bambino, c'è un ritardo nel corpo. E questo è il rischio di edema prolungato e difficile da rimuovere.

La tromboflebite delle vene superficiali durante la gravidanza è spesso accompagnata da un forte dolore. Va ricordato che durante questo periodo, i farmaci non sono raccomandati. La venocentesi può alleviare rapidamente il paziente dal disagio e impedire al coagulo di infiltrarsi nelle vene situate negli strati più profondi. Questa è una puntura del nodo interessato per rimuovere un coagulo di sangue. Questo metodo è sicuro per il feto, dal momento che la manipolazione viene eseguita in anestesia locale tumescente (un farmaco anestetico viene iniettato sotto la pelle, formando un cuscino protettivo intorno alla nave operata).

Detralex con tromboflebite: aiuta?

In alcuni casi, per il trattamento delle vene varicose, un flebologo può decidere sulla nomina del farmaco Detralex. Ma c'è una limitazione: può essere utilizzato dalle future mamme solo nella seconda metà della gravidanza. È un farmaco efficace per il trattamento delle vene varicose di qualsiasi stadio e altre malattie del sistema circolatorio, che è considerato abbastanza sicuro. Nella sua composizione - componenti di origine vegetale. Non cambia la composizione del sangue, ma aumenta solo il tono delle pareti dei vasi sanguigni. Non ha effetti collaterali, ma esiste la possibilità di una reazione allergica.

Ma nel trattamento della tromboflebite, dà risultati positivi in ​​combinazione con agenti antipiastrinici e farmaci trombolitici. Come agente terapeutico indipendente per la trombosi, è usato raramente, principalmente per il sollievo da attacchi di insufficienza venosa cronica. Ma è spesso prescritto dopo il trattamento chirurgico della tromboflebite, come terapia di supporto a lungo termine.

Medicina tradizionale nel trattamento della trombosi

Il trattamento della tromboflebite con i rimedi popolari aiuterà ad alleviare il decorso della malattia, a ridurre il dolore e il gonfiore alle gambe e ad alleviare altri sintomi. Questi non sono metodi testati di una generazione. Alcuni di questi sono molto più efficaci delle droghe di origine sintetica. I più efficaci in questa malattia sono i prodotti delle api: miele, propoli e api sottomarine. Offriamo diverse ricette da questi prodotti.

Prodotti ape

  • Tintura di api Podmor. La vita delle api è breve. E dagli anziani primaverili che hanno lavorato l'estate si spengono. Le giovani api le mettono sul tabellone. Questo è chiamato un sublime. Devono essere raccolti e versati con la vodka (una manciata di podmor per 0,5 l di vodka) Insistere per due settimane, ceppo. Utilizzare come un impacco, che si sovrappone sul punto dolente per 1,5-2 ore.
  • Impacco al miele Per fare questo, il miele nella sua forma pura viene applicato su un panno di lino e applicato all'area con la vena interessata. Per un impacco, il miele può essere mescolato con foglie di kalanchoe frantumate o applicato a una foglia di cavolo. Queste due piante aumentano solo la potenza del miele.

** Il corpo di un'ape contiene sostanze che fanno parte di vari farmaci. Questi sono veleno, nettare e polline di piante, propoli e microparticelle di cera. È nella sua essenza una medicina già pronta, solo in dosi microscopiche.

  • Dalla propoli, puoi preparare un unguento curativo per la tromboflebite. Per fare questo, macinare, mescolare con burro riscaldato in un rapporto di 3:10 e riscaldarlo un po '(non più di 15 minuti). Applicare come un impacco o semplicemente sfregandolo nelle zone interessate.

Aceto di mele

  • Uno dei mezzi più efficaci per questa grave malattia venosa è l'aceto di mele fatto in casa. È usato sotto forma di sfregamento, precedentemente diluito con acqua (un cucchiaio di aceto in un bicchiere d'acqua).

Grasso d'oca

  • La maggior parte delle persone urbane non sa che nel villaggio molte malattie dei piedi e delle mani (ustioni, congelamento), così come ulcere di varia origine e tromboflebiti, sono state trattate con grasso d'oca. Oggi è considerato uno dei mezzi più efficaci che viene utilizzato, sia nella forma pura che nella preparazione di unguenti con l'aggiunta di varie erbe, come la calendula o l'erba di San Giovanni. Il recupero completo può essere ottenuto utilizzando unguento al 30% con l'aggiunta di radici di consolida maggiore (Chowberry) schiacciate in pappa. Per fare questo, cento grammi di grasso d'oca aggiungono 30 grammi di radici di consolida maggiore. Riscalda 15 minuti, filtra. L'unguento è pronto per l'uso.

Infusi alle erbe per somministrazione orale

Alcuni fondi esterni a volte non sono sufficienti per sbarazzarsi della malattia. La medicina tradizionale raccomanda anche di prendere decotti all'interno di erbe medicinali che migliorano la circolazione del sangue e aumentano l'elasticità delle pareti dei vasi venosi.

  1. Il più efficace è l'infusione di ortica. Non ha solo un effetto benefico sul sistema circolatorio, ma guarisce e rafforza tutto il corpo. È particolarmente utile in primavera quando non ci sono abbastanza vitamine.
    ** Dalla giovane ortica puoi cucinare il kvas, che ha proprietà curative e carica con vigore. Per la sua preparazione a raccogliere ortica fresca. Risciacquare bene, si può scottare con acqua bollente. Mettilo in un barattolo da tre litri, aggiungi tre cucchiai di zucchero e versa acqua bollente. Legare il collo con una garza e metterlo in un luogo caldo per tre o quattro giorni a fermentare. Dopo la fermentazione del kvas, cola e puoi iniziare il trattamento mangiando mezza tazza tre volte al giorno 20 minuti prima dei pasti.
  2. È anche utile prendere escuzane - infiorescenze di ippocastano infuso con alcool.
  3. Aiuta a trattare il tè tromboflebite dalle teste di trifoglio essiccate (1 cucchiaio per tazza).

Tutti i metodi proposti di trattamento dei rimedi popolari, prima dell'uso devono essere necessariamente coordinati con il medico. È meglio usarli in un complesso con terapia medicamentosa.

Ginnastica con tromboflebite

Per molti anni, i luminari medici hanno discusso sulla necessità di un esercizio fisico per le malattie delle vene degli arti inferiori. Alcuni sostengono che è necessaria la completa pace, altri sono ardenti sostenitori dell'attività fisica. Entrambi hanno ragione.

Nel periodo di esacerbazione, quando il rischio di separazione di un coagulo di sangue e l'insorgenza di gravi complicanze è abbastanza alto, è necessario rispettare il riposo a letto, senza esporre i piedi doloranti allo stress. Durante questo periodo, sono severamente vietati i bagni termali e tutti i tipi di massaggi.

Ma, al completamento del trattamento, durante il periodo di riabilitazione, e anche come prevenzione della malattia, sono molto utili esercizi che aiutano ad aumentare l'elasticità delle pareti venose e migliorare la circolazione sanguigna. L'unica condizione è non esagerare. Il complesso di ginnastica terapeutica include i seguenti esercizi:

In posizione prona:

  • Esercita "pesce". Avendo rilassato il corpo, vibralo, imitando il movimento del pesce nell'acqua. Continua per uno o due minuti.
  • Le gambe si alzano lentamente e si abbassano fino alla posizione di partenza. Ripeti non più di 8-10 volte.
  • "forbici". Sollevate le gambe verso l'alto per allontanarle e poi spostarle. Il numero di ripetizioni - 10 volte.

Nella posizione "in piedi" o "seduto":

  • Movimento circolare con i piedi verso destra o sinistra (da cinque a dieci volte).

In posizione eretta:

  • 1. Sollevamento su calze e morbido abbassamento sui talloni (fino a 15 volte).
  • 2. Piegare la gamba destra e sollevare. Quindi raddrizzare e abbassare sul pavimento. Esegui questo movimento con il piede sinistro. Puoi fare questo esercizio alternativamente, cambiando la gamba ogni volta. La seconda opzione prevede prima eseguire un piede (12 volte), poi lo stesso - l'altro piede.

Tutti questi esercizi massaggiano efficacemente le vene e prevengono il ristagno di sangue nelle vene. Osservando tutte le missioni del medico ed eseguendo misure preventive, è possibile eliminare i sintomi spiacevoli che accompagnano la malattia ed evitare complicazioni che richiedono un trattamento a lungo termine.

Video: una serie di esercizi per le gambe con vene varicose e tromboflebite non acuta

Come mangiare con tromboflebite?

Una delle cause della malattia descritta è l'obesità. Pertanto, chiunque sia incline a qualsiasi malattia del sistema venoso deve limitarsi all'uso di determinati prodotti.

Ad esempio, una dieta per la tromboflebite (per la durata del trattamento) raccomanda di scartare piatti fritti, speziati, troppo salati e piccanti. Si consiglia di astenersi da varietà grasse di pesce e carne, includere nella propria dieta varietà dietetiche: petto di pollo, coniglio, tacchino. Sul tavolo dovrebbero sempre essere presenti frutta e verdura fresche, ad eccezione di banane, piselli e fagioli.

In inverno, prendere un multivitaminico. Fai in modo di mangiare uno spicchio d'aglio ogni giorno, assicurati di mangiare le cipolle.

Raccomandazioni generali

Le persone a rischio di tromboflebite dovrebbero essere molto attente alle condizioni delle loro braccia e gambe. Seguire le raccomandazioni fornite dal flebologo. Dovrebbe condurre uno stile di vita attivo. Cerca di camminare di più, impara esercizi speciali che impediscono lo sviluppo della malattia. Bello andare a nuotare, andare in bicicletta. A casa, è possibile mantenere il tono dei vasi sanguigni con tè alle vitamine, più spesso bere bevande ai mirtilli, tintura di Hypericum.

Allo stesso tempo, evitare lo stress statico, che si verifica quando una persona è in una posizione seduta per un lungo periodo o è in piedi (ad esempio, lavorando alla macchina). Controindicato con bagno di vapore tromboflebite, disidratazione. Le scarpe dovrebbero essere il più confortevole possibile, con un'altezza del tallone ottimale e solette ortopediche. Si raccomanda di riposare sdraiati, sollevando leggermente le gambe e mettendo un piccolo cuscino sotto di loro. Indossare biancheria intima di compressione dovrebbe essere sdraiato sulle gambe sollevate.

Tromboflebiti degli arti inferiori

La tromboflebite degli arti inferiori è un processo patologico di natura infiammatoria, che si sviluppa nelle pareti venose a causa della vicinanza infettiva ed è accompagnato dalla formazione di trombi nel loro lume. In quasi il 90% delle persone, la tromboflebite si trova sugli arti inferiori. Inoltre, la tromboflebite degli arti inferiori è caratterizzata da diverse forme di flusso - è una forma acuta, subacuta e cronica.

La tromboflebite degli arti inferiori colpisce le vene profonde e quelle che si trovano sulla superficie delle gambe, che è determinata dalla localizzazione sia dell'infiammazione stessa che del coagulo di sangue. Inoltre, il processo patologico è purulento e non purulento. Fondamentalmente, questa malattia è intesa come infiammazione e formazione di un coagulo di sangue in una vena localizzata sotto la pelle, cioè superficiale.

La tromboflebite degli arti inferiori è considerata una patologia grave e pericolosa, che senza adeguati metodi terapeutici può causare varie complicazioni, come il tromboembolismo della LA, la sepsi e la trombosi venosa profonda.

Tromboflebiti degli arti inferiori

Il processo di infiammazione della parete venosa in combinazione con la formazione di un coagulo di sangue è chiamato tromboflebite delle vene degli arti inferiori. Ad oggi, gli scienziati sono già fiduciosi che il lume di un vaso venoso chiuso da un coagulo di sangue, formato da un coagulo di sangue, e l'infiammazione della parete venosa sono due processi strettamente correlati che corrono in parallelo.

La tromboflebite degli arti inferiori colpisce principalmente le vene sulla superficie, sotto la pelle e in profondità nei muscoli. Di regola, nel secondo caso si chiama flebotrombosi. È molto più complicato e pericoloso, ma si verifica meno frequentemente rispetto al primo.

Le cause della tromboflebite degli arti inferiori sono tre principali fattori predisponenti e uno di questi è sempre molto più pronunciato degli altri. Questi fattori includono, in primo luogo, la parete venosa danneggiata, in secondo luogo, il lento processo del flusso sanguigno e, in terzo luogo, una maggiore coagulazione.

Nel primo caso, la parete venosa delle vene può essere danneggiata a causa dell'impatto meccanico, e il raffinamento in esse aumenta notevolmente il verificarsi di lesioni. Le operazioni chirurgiche, l'introduzione di farmaci e il posizionamento di cateteri nella cavità venosa influiscono negativamente sui vasi venosi.

Il lento processo del movimento del sangue è direttamente influenzato dal prolungato riposo a letto, dalla fissazione dell'intonaco a seguito di una frattura, dalla lesione dell'arto inferiore, che è caratterizzata da schiacciamento, cioè dalla compressione dei tessuti che circondano la vena. Inoltre, alcune malattie dell'SSC, come l'insufficienza cardiaca, ad esempio, sono difficili da pompare il volume di sangue necessario al cuore, per rallentare il flusso sanguigno. Così, i processi di stagnazione si formano negli arti inferiori e la velocità del flusso sanguigno diminuisce.

Ma l'ipercoagulazione può essere congenita in presenza di un difetto nella normale attività del sistema circolatorio e acquisita (in caso di malattie infettive, disturbi ormonali, farmaci, malattie oncologiche).

Fondamentalmente, il processo infiammatorio nella parete venosa è di natura asettica, come reazione a una parete venosa alterata oa un trombo che si forma. Ma a volte i microbi che si trovano nel sangue o vicino alla vena si uniscono al trombo e si formano tromboflebiti purulente degli arti inferiori.

Dopo che il trombo ha attraversato il processo di formazione, può spostarsi spontaneamente attraverso la nave o, attraverso il trattamento, smettere di crescere e il processo infiammatorio gradualmente scompare. In questo caso, un trombo ridotto può bloccare completamente o parzialmente il lume nella vena, e questo porterà alla cessazione del flusso sanguigno e al collasso della nave venosa in quest'area. Pertanto, il pericolo che un coagulo di sangue possa fuoriuscire è ridotto al minimo.

In un altro caso, il trombo e l'infiammazione continuano a svilupparsi. Allo stesso tempo, è attaccato con un lato al muro della vena, e l'estremità libera è nel lume. Come conseguenza dell'infiammazione, un trombo diventa instabile e allentato, quindi qualsiasi minimo impatto su di esso può provocare una rottura. Pertanto, la tromboflebite degli arti inferiori può contribuire allo sviluppo di complicazioni così gravi come l'embolia polmonare.

Con un decorso stabile della malattia, il trombo continua a crescere verso l'alto, distrugge le valvole delle vene comunicanti e penetra nelle vene situate in profondità, formando flebotrombosi. E distruggendo le valvole in tutte le vene sulla superficie, profondamente e comunicative, si forma la CVI. In quasi il 95% dei pazienti, la tromboflebite degli arti inferiori colpisce le grandi vene sottocutanee e meno spesso le piccole vene.

L'immagine sintomatica del processo patologico dipende dalla forma della malattia, in cui vi è tromboflebite, in acuta o cronica. Molto spesso, la tromboflebite degli arti inferiori inizia improvvisamente, senza una ragione particolare, e talvolta ci sono ferite alle gambe. Molto spesso, la presenza di un virus in un paziente, prendendo contraccettivi, che è accompagnata da ipercoagulazione. Inoltre, le vene varicose sono una causa frequente della malattia.

Di norma, i sintomi locali di tromboflebite degli arti inferiori prevalgono sul benessere generale, che è contrassegnato come soddisfacente. All'inizio, questa patologia è caratterizzata dall'apparizione di dolori di natura intensa al sito dell'area trombizzata della vena, nonché da restrizioni nel movimento degli arti. Nel sito della lesione, la vena acquista una tonalità rossastra, e mentre il processo avanza, il rossore si diffonde molto di più. Inoltre, aumenta la temperatura della pelle nel sito di rossore. La vena interessata in quest'area è una corda stretta e dolorosa. E se la tromboflebite degli arti inferiori cattura le vene dilatate, allora i nodi acquisiscono una densità caratteristica, dolore e aumento diverse volte.

A volte è possibile osservare il gonfiore della gamba interessata, ma solo nell'area che ha una parete venosa alterata, che distingue la tromboflebite dalla flebotrombosi.

I sintomi generali consistono in un aumento della temperatura, nella comparsa di brividi e nel malessere assoluto.

La forma cronica di tromboflebiti degli arti inferiori è caratterizzata da un lungo decorso e periodi di esacerbazione, che presentano tutti i sintomi elencati. In assenza di un periodo esacerbante, i sintomi sono per lo più assenti.

Tromboflebiti ricorrenti degli arti inferiori possono formarsi in varie vene che non sono state danneggiate ed è una flebite migratoria. E questo è già considerato un serio motivo per un esame approfondito, dal momento che questa malattia è associata allo sviluppo di tumori.

Per l'esame della tromboflebite degli arti inferiori, viene utilizzato l'ecografia, che si riferisce a un sufficientemente informativo e conferma la malattia esistente, determina la posizione e la durata del coagulo di sangue e valuta anche il rischio della possibilità della sua separazione.

Tromboflebite superficiale degli arti inferiori

Questa malattia patologica è caratterizzata da un'infiammazione della superficie della vena superficiale, situata sotto la pelle a una profondità di 2-3 cm, dovuta alla presenza di un focolaio infettivo e alla formazione di un coagulo di sangue nel lume di una nave venosa. Abbastanza spesso, questa malattia è correlata alla complicazione delle vene varicose degli arti inferiori.

La tromboflebite superficiale degli arti inferiori è considerata una malattia polietiologica, i cui processi di formazione sono influenzati dall'integrità disturbata della parete venosa con l'aggiunta di agenti infettivi. In questo caso, queste infezioni possono arrivare sul muro venoso da tessuti circostanti infiammati o diffondersi attraverso il sistema linfatico e anche i vasi sanguigni.

La tromboflebite superficiale degli arti inferiori è promossa da vari focolai infiammatori cronici nel corpo (polmonite, tubercolosi, carie, erisipela, tonsillite, influenza). Inoltre, processi stagnanti nel sangue, compromissione della composizione fisica e chimica del sangue e ipercoagulazione giocano un ruolo significativo nello sviluppo di tromboflebiti superficiali degli arti inferiori.

Ci sono anche diversi fattori predisponenti che innescano lo sviluppo di tromboflebiti delle vene superficiali negli arti inferiori. Tra questi: patologia infettiva, lesioni di natura traumatica, chirurgia, neoplasie maligne, processi allergici, iniezioni endovenose, gravidanza, contraccettivi orali, obesità.

Questa malattia è classificata in un tipo infettivo (dopo parto, aborto, tifo, operazioni e processi purulenti) e asettica (con vene varicose, migrazione flebite, dopo lesione e compressione, con malattie del SSS).

La tromboflebite superficiale degli arti inferiori può manifestarsi in forma purulenta, non purulenta, acuta, subacuta e cronica.

Nel decorso acuto della malattia, il processo patologico inizia improvvisamente, accompagnato da una condizione subfebrilare. Ci sono dolori lungo la vena colpita, aggravata al momento dei movimenti dell'arto. A volte c'è un gonfiore. Alla palpazione, trovano nodi densi e dolorosi con pelle iperemica su di loro. La malattia può durare da due settimane a un mese.

Il flusso subacuto è caratterizzato da un lieve gonfiore e dolore doloroso. La temperatura non sale, le infiltrazioni e le foche sono quasi indolori e la pelle diventa viola e talvolta nera. Il processo patologico dura fino a diversi mesi.

La tromboflebite superficiale degli arti inferiori si manifesta cronicamente con le vene varicose e si manifesta con affaticamento durante la deambulazione. Alla palpazione, un carattere denso con alcuni nodi è palpabile. Sulle gambe affette si forma gonfiore, che cade di notte e appare durante il giorno. Il lungo processo è caratterizzato da disturbi trofici. E con una terapia inadeguata, si sviluppano complicazioni come dermatiti, eczemi, ascessi, flemmoni, tromboembolismo di organi somatici, sepsi, neurite ischemica, linfoadenite.

Nella diagnosi di tromboflebiti superficiali degli arti inferiori, non ci sono difficoltà definite. Sulla base del quadro sintomatico, viene rivelata la posizione dell'area della vena interessata, la prevalenza, la durata e il grado di infiammazione. Per confermare la diagnosi, vengono utilizzati alcuni metodi di esame, come la reovasografia, che determina la condizione delle vene e il loro riempimento; doplegrafiyu e angioscanning, che permette di considerare la struttura vascolare, il flusso sanguigno, la sua velocità e il diametro del canale della nave.

Il principale metodo di trattamento della tromboflebite superficiale degli arti inferiori è considerato conservativo e, con la sua inefficacia, ricorre anche all'intervento chirurgico. Nel primo caso vengono usati farmaci antiaggreganti (Trental, Troxevasin, Curantil); proprietà anti-infiammatorie (Ortofen, Reopirin, Ibuprofen, Butadion); iposensibilizzante (Suprastin, Tavegil); antibiotici, anticoagulanti, bende elastiche, pomata eparina.

Il metodo chirurgico include il funzionamento di Troyanov-Trendellenburg e chirurgia incrociata. La chirurgia radicale è considerata flebectomia, finalizzata a prevenire o eliminare l'embolia, così come le cause alla radice della malattia.

Tromboflebiti delle cause degli arti inferiori

Di norma, questo processo patologico è causato da un aumento degli arti inferiori delle vene, la loro caratteristica ostruzione a seguito della formazione di coaguli di sangue. Con la sconfitta delle vene, localizzata sotto la pelle, si sviluppano tromboflebiti superficiali, e con la sconfitta delle vene che sono profonde nei muscoli, flebotrombosi media (tromboflebite delle vene profonde). Questa malattia è più pericolosa della precedente ed è caratterizzata dallo sviluppo di varie complicazioni potenzialmente letali (PEI).

Molto spesso, la tromboflebite degli arti inferiori appare in persone che non si muovono molto, come conseguenza di uno stile di vita sedentario o di un riposo a letto per un periodo sufficientemente lungo.

La causa e una delle ragioni principali della tromboflebite degli arti inferiori è la formazione di coaguli di sangue che ostacolano il normale flusso sanguigno. Di norma, i coaguli di sangue compaiono come conseguenza del danno venoso, ma nel sistema sono presenti anche anormalità congenite responsabili della coagulazione del sangue. Queste persone hanno maggiori probabilità di ottenere una tale patologia come la tromboflebite degli arti inferiori.

Ulteriori fattori che contribuiscono alla formazione del processo patologico includono attività ridotta, lavoro in posizione seduta, voli lunghi e viaggi. Ma al fine di prevenire lo sviluppo di questa grave malattia, è necessario esercitare, camminare di più, indossare biancheria intima di compressione. Tutte queste misure preventive aiuteranno solo a ridurre il rischio di coaguli di sangue.

Ci sono alcuni fattori che provocano anche la comparsa di tromboflebiti degli arti inferiori. Questi includono: una storia di un ictus che ha causato la paralisi degli arti inferiori; neoplasie maligne; gravidanza, parto e dopo; obesità dovuta al sovrappeso e all'obesità; uso di contraccettivi a base di ormoni; terapia ormonale; predisposizione genetica e vecchiaia dopo sessant'anni.

Tromboflebiti sintomi degli arti inferiori

L'immagine sintomatica dipende principalmente dalla sconfitta delle vene negli arti inferiori. Quando la tromboflebite delle vene si trova sotto la pelle, il dolore, il rossore, il consolidamento doloroso sotto forma di una corda lungo la vena interessata, appare un leggero gonfiore nell'area dell'infiammazione. La condizione dei pazienti è soddisfacente con una leggera condizione di subfebbrile. Molto raramente si può verificare una fusione purulenta del coagulo di sangue e della cellulite.

In caso di progressione, la malattia si diffonde attraverso la grande vena superficiale all'inguine e sviluppa tromboflebite ascendente. La stessa cosa può accadere nella vena iliaca, che sarà una vera minaccia a causa della possibilità di troncare il trombo e l'embolia polmonare. La stessa complicazione si sviluppa durante il processo patologico nella piccola vena safena, se un coagulo di sangue penetra nella vena sotto il ginocchio attraverso le vene perforanti.

Il decorso di tromboflebiti settiche purulente degli arti inferiori, che possono avere complicanze nella forma di ascesso metastatico nel cervello, nei reni, nei polmoni, nel catarro dell'arto e nella sepsi, è caratterizzato piuttosto severamente.

I sintomi della tromboflebite delle vene profonde della gamba durante i primi due giorni rimangono quasi invariati o sono caratterizzati da un quadro cancellato di manifestazioni. I pazienti sono in una condizione soddisfacente, lamentano dolore apparente nei polpacci di natura minore, che aumentano durante il movimento, c'è un leggero gonfiore della parte inferiore della gamba, e quando palpazione provoca dolore. Un sintomo positivo di Homans conferma la sconfitta della tromboflebite venosa profonda.

Nel caso della trombosi di tutte e tre le coppie di vene profonde della parte inferiore della gamba, i sintomi della malattia diventano più pronunciati. Allo stesso tempo, si creano dolori acuti, una sensazione di lacrimazione, l'arto inferiore si irrigidisce e la gamba si gonfia. Quindi appare il cianotico e la temperatura aumenta in tutto il corpo.

Con la tromboflebite della vena femorale, il femore inizia a gonfiarsi leggermente, lungo il corso della lesione, la vena è dolorosa al tatto. Se una vena si trova nel processo patologico, si trova sotto il ginocchio in combinazione con la vena sulla coscia, quindi la gamba si gonfia, inizia a fare molto male, e ci sono restrizioni nel movimento. Se il processo patologico si estende alla parte prossimale della vena nella coscia, l'intero arto interessato aumenta, il dolore si intensifica e appare la cianosi chiara.

La trombosi osso-femorale, caratterizzata da flemmmasia bianca e blu, è considerata una forma grave di tromboflebite degli arti inferiori. In questo caso, ci sono dolori nella parte anteriore e all'interno della coscia, nel polpaccio e nell'inguine. L'arto diventa molto più grande, l'intera gamba nel suo complesso si gonfia fino all'inguine con il grippaggio del gluteo. La pelle può essere sia pallida che cianotica. Tutte le vene nella coscia e all'inguine con la palpazione causano dolore. Qualche tempo dopo l'inizio del processo patologico, l'edema diminuisce leggermente e il pattern delle vene della pelle è visibile, che è collegato con l'ostruzione del flusso sanguigno attraverso le vene profonde.

In alcuni casi, la malattia è caratterizzata da un improvviso inizio con la natura pulsante acuta del dolore nell'arto inferiore, che diventa freddo e insensibile. In futuro, l'edema inizia a crescere rapidamente, le dita si muovono a malapena, la loro sensibilità diminuisce, così come la temperatura della pelle, l'impulso non viene sentito sul piede. Questo processo è chiamato flemma bianca, che si sviluppa in combinazione con tromboflebite venosa profonda con uno spasmo delle arterie nell'arto colpito.

Quando la tromboflebite degli arti inferiori coinvolge le vene profonde e la pelvi nel processo patologico, l'arto inferiore diventa di dimensioni considerevoli, si gonfia e si ispessisce e la pelle ha un colore viola e talvolta nero. Successivamente, compaiono bolle caratteristiche, da cui viene rilasciato un liquido sieroso o emorragico. Questo quadro sintomatico della malattia è chiamato phlegmasia blu, che è caratterizzata da dolori lancinanti e l'assenza di pulsazione delle arterie.

Per la trombosi ascendente, l'edema e la cianosi sono caratteristici della cattura di un arto sano e della metà inferiore del corpo. Ci sono dolori nella zona lombare e ipogastrica, accompagnati da una tensione protettiva dei muscoli della parete anteriore del peritoneo.

Tromboflebite trattamento degli arti inferiori

Nel processo di trattamento delle tromboflebiti degli arti inferiori, è importante prevenire la diffusione della malattia alle vene profonde, per prevenire il tromboembolismo di Los Angeles, ridurre le manifestazioni infiammatorie e prevenire le ricadute. Con la patologia esistente delle vene dilatate senza intaccare le sedi profonde, il trattamento può anche essere effettuato su base ambulatoriale. Ma se c'è una minaccia di formazione di embolia polmonare e un processo di infiammazione espresso, il trattamento deve essere eseguito in un ospedale sotto la supervisione di specialisti.

Inoltre, la modalità selezionata di trattamento della tromboflebite degli arti inferiori deve includere compressione elastica obbligatoria e trattamento conservativo.

La compressione elastica è caratterizzata da un bendaggio continuo dell'arto interessato per dieci giorni, con un ulteriore uso di biancheria intima da compressione solo durante il giorno.

Il trattamento conservativo della tromboflebite degli arti inferiori comprende la prescrizione di farmaci che rafforzano la parete venosa (Troxevasin, Ditralex, Ginkor-fort, Cyclo 3 Fort); prevenire la formazione di coaguli di sangue (aspirina); alleviare l'infiammazione (Diclofenac, Ketoprofen). Inoltre ha usato unguenti topici che sciolgono i coaguli di sangue (gel di Lioton, eparina) e riducono il processo infiammatorio (gel di Ketonal).

Durante i primi tre giorni all'inizio della malattia come anestesia, viene applicato freddo locale alla vena interessata. Se c'è il rischio di complicanze, vengono prescritti gli anticoagulanti. Di norma, il trattamento della tromboflebite degli arti inferiori inizia con la somministrazione endovenosa di eparina a basso peso molecolare e quindi i preparati orali dal gruppo di anticoagulanti vengono assunti per via orale. Sono principalmente prescritti da molto tempo per prevenire il ripetersi di tromboflebiti degli arti inferiori. È importante sottoporsi a test di laboratorio per controllare il possibile sanguinamento.

L'Hirudotherapy è prescritto per la forma acuta della malattia e per le controindicazioni ai farmaci che riducono l'ipercoagulazione. Hirudin, localizzato nelle ghiandole delle sanguisughe, entra nel sangue del paziente, ne riduce la coagulabilità e la viscosità e aiuta anche a rimuovere lo spasmo nei vasi delle arterie. Le sanguisughe inseriscono la quantità di dieci pezzi per volta su un arto al posto della vena interessata, e quindi questa manipolazione viene ripetuta di nuovo dopo una settimana. Prima di mettere le sanguisughe, la pelle dell'arto deve essere rasata e lavata senza sapone. Per le sanguisughe rapidamente succhiate, la pelle viene trattata con glucosio o un liquido dolce. Dopo che la sanguisuga pompa quasi 20 ml di sangue, scomparirà da sola, quindi non c'è semplicemente bisogno di rimuoverlo con la forza. Tuttavia, dobbiamo ricordare che ci sono controindicazioni alla hirudotherapy. Questo può essere anemia, ridotta coagulazione del sangue, la prima metà della gravidanza e il trattamento con farmaci contenenti mercurio.

Gli effetti diretti sui coaguli di sangue possono essere ottenuti utilizzando la terapia fibrinolitica. Questi farmaci (chimotripsina, urochinasi, fibrinolisi, tripsina, strepochinasi) nel primo periodo della malattia causano la lisi di un coagulo di sangue.

Se la tromboflebite delle vene superficiali è combinata con flebotrombosi, devono essere prescritti farmaci di azione trombolitica verso l'interno.

Quando la temperatura aumenta o sullo sfondo di patologie purulente, vengono utilizzati antisettici e antibiotici.

Se un metodo conservativo di trattamento della tromboflebite degli arti inferiori non dà risultati positivi, allora ricorrono all'intervento chirurgico con la rimozione di parte della vena, e talvolta completamente a seconda della natura del processo patologico e della sua gravità. Per evitare una trombosi della vena nella coscia, un'importante vena safena viene immediatamente fasciata.

L'uso di metodi fisioterapeutici di trattamento sotto forma di radiazione ultravioletta, raggi infrarossi, sollux è prescritto per il decorso cronico del processo e durante lo sviluppo di un coagulo di sangue.

Il trattamento in sanatorio è consentito solo individualmente in presenza di tromboflebite superficiale cronica a lungo termine degli arti inferiori senza esacerbazioni e la formazione di cambiamenti trofici.

La dieta dei pazienti con tromboflebiti degli arti inferiori deve essere costituita da alimenti che sono caratterizzati da un basso contenuto di vitamina K. Questo perché è questa vitamina che neutralizza molti farmaci che vengono presi con questa malattia. È importante seguire tutte le raccomandazioni mediche, che includono il consumo di un numero sufficiente di vari tipi di frutta e verdura, come angurie, ananas e meloni. Lo zenzero e la cannella hanno un buon effetto terapeutico sulla tromboflebite degli arti inferiori. È anche importante mangiare meno cibi ricchi di carboidrati, grassi e eliminare completamente il piccante e il fritto. Non raccomandare l'uso di prodotti come rosa selvatica, fagioli, pesce, piselli, banane e carne grassa, in quanto non recano il beneficio del paziente con tale diagnosi.

Tra alcuni medici, così come i pazienti, c'è un'opinione particolare che qualsiasi attività fisica dopo il corso del trattamento è semplicemente controindicata. Tuttavia, questo è assolutamente sbagliato. La ginnastica appositamente selezionata in questa patologia, in posizione prona, ha un effetto positivo sulla riabilitazione dei pazienti. È solo che in questo caso è necessario rimuovere dal set di esercizi quelli che hanno una componente statistica o provocare un infortunio alla gamba. E l'unica cosa che rimane è che la ginnastica dovrebbe svolgersi in maglieria a compressione sugli arti inferiori, e il carico dovrebbe essere aggiunto gradualmente.

All'inizio, la fisioterapia consiste in due ore di cammino e periodi di riposo. In caso di indolenzimento degli arti inferiori, la durata dell'escursionismo aumenta. E solo dopo tre mesi puoi iniziare esercizi ginnici sotto forma di "forbici", "bicicletta", "betulla", che mirano a migliorare il flusso sanguigno nelle vene. E un po 'più tardi, puoi esercitarti sulla cyclette, correre, sciare. Inoltre, il nuoto in tutte le fasi della riabilitazione è il benvenuto. Questo sport è il più ottimale per la tromboflebite degli arti inferiori.

Tromboflebiti delle vene superficiali degli arti inferiori: segni, caratteristiche e metodi di trattamento

La tromboflebite delle vene sottocutanee o superficiali è chiamata patologia dei vasi, che si manifesta nella parete della vena dal processo infiammatorio simultaneamente con la formazione di un coagulo di sangue che blocca il lume della nave.

La malattia è una conseguenza di problemi nei sistemi linfatico e cardiovascolare con problemi simultanei di formazione del sangue e coagulazione del sangue. L'effetto di questi fattori nel tempo e l'assenza di trattamento portano a tristi conseguenze, una delle quali è la tromboflebite.

Cause e fattori di rischio

I coaguli di sangue si formano se ci sono tre gruppi di fattori:

  • Muro venoso danneggiato A causa della loro posizione, le vene safene sono spesso soggette a stress meccanico, e se c'è un muro sottile in esse, la lesione è più probabile.

A volte c'è un effetto dannoso dei medici con un effetto indesiderato sulle vene durante le operazioni, l'infusione di soluzioni concentrate, come il glucosio, o l'installazione di un catetere endovenoso.

  • Circolazione sanguigna lenta Questo fattore di rischio è rilevante in caso di riposo a letto prolungato, spremitura della vena da parte di corpi estranei o lesioni delle estremità durante la frantumazione.

    Inoltre, ci sono condizioni in cui la circolazione sanguigna è disturbata. Ad esempio, insufficienza cardiaca, in cui il volume desiderato di sangue non viene pompato e inizia la stasi.

  • Aumento della coagulazione del sangue. Accade congenito e acquisito, che è sorto dopo malattie infettive, con problemi nel sistema ormonale, dopo l'assunzione di alcuni farmaci o malattie oncologiche.
  • Di solito, l'edema venoso è microbico ed è il risultato di un danno alla nave con la formazione di un coagulo di sangue. Ma spesso i processi purulenti vengono aggiunti alla trombosi a causa della presenza di microrganismi nel sangue o all'esterno. Quindi viene diagnosticata una tromboflebite purulenta.

    In una combinazione di tre condizioni, si formano un trombo ed una reazione edematosa della parete del vaso, dopo di che il processo si sviluppa in due modi:

    • La crescita di un coagulo ostruito di un coagulo di sangue da sola o durante il trattamento può fermarsi e il gonfiore passerà. Il trombo diminuisce e può chiudere completamente o parzialmente la vena. Con la piena sovrapposizione, il flusso sanguigno scende e la nave si svuota, mentre la probabilità che il coagulo si interrompa è la più piccola.
    • La seconda opzione è caratterizzata da continua infiammazione. Un'estremità di un trombo crescente è attaccata a una vena, e l'altra è nel lume, la sua condizione diventa instabile.

    Se un coagulo di sangue rimane stabile, la sua crescita è diretta verso l'alto. Penetrando attraverso le vene, distrugge le valvole, causando la flebotrombosi, che si trasforma in insufficienza venosa cronica. In quasi tutti i casi, i problemi si presentano con una grande vena safena.

    Forme e stadi

    • Forme acute, che si sviluppano in 2-3 giorni con gonfiore nel sito di un coagulo di sangue e febbre;
    • Forma cronica, dovuta alla complicazione delle vene varicose venose. La forma flaccida dell'infiammazione è caratteristica: quando viene premuta sull'area con un coagulo di sangue, aumenta. Dolore marcato e gonfiore dell'arto;
    • Forma purulenta - si verifica quando c'è un'infezione sulla pelle. Il corso è accompagnato da febbre e intossicazione, a volte causando sepsi;
    • Forma non purulenta - causata da un ispessimento del sangue o da una violazione del suo movimento. La condizione generale è soddisfacente, ma ci possono essere strisce rossastre dolorose sulla pelle. Questa fase ha luogo quando un trombo viene risolto o entra in uno stadio cronico.

    Nel sito di infiammazione, la malattia è classificata in:

    • Endoflebitis, quando il rivestimento interno delle vene si gonfia;
    • Tromboflebite, con infiammazione della vena stessa;
    • Perflebitis, con edema che circonda il tessuto;
    • Flebite purulenta, che produce suppurazione.

    Pericolo e conseguenze

    Qual è la tromboflebite pericolosa degli arti inferiori? Il principale pericolo della malattia è la possibile separazione di un coagulo di sangue, che entra inevitabilmente negli organi vitali. Se questo accade nell'arteria polmonare, si verifica tromboembolia, che nella maggior parte dei casi finisce con la morte.

    sintomatologia

    Il primo sintomo acutamente sentito è una forte sensazione di dolore nel muscolo gastrocnemio. I tentativi di alleviarlo con il massaggio portano solo all'amplificazione. L'arrossamento e il gonfiore si notano sulle gambe e le borse appaiono sotto gli occhi. Man mano che la malattia progredisce e in base alla posizione del trombo, possono esserci differenze nei segni.

    La tromboflebite delle vene sottocutanee degli arti inferiori è caratterizzata da una vena fortemente gonfia, che è molto dolorosa quando viene toccata. Al tatto è denso, la parte superiore è coperta da una pelle gonfia e gonfia. La temperatura corporea in tali momenti raggiunge i 38 e sopra i gradi. Brividi, debolezza

    Le vene varicose semplici differiscono da quelle che sono trombizzate dall'assenza di dolore, arrossamento e temperatura più elevata intorno a loro. Se assegni alle gambe una posizione orizzontale, allora in tali vene la tensione diminuisce e il sangue va in vasi venosi più profondi. Una nave con un coagulo di sangue durante lo sviluppo della malattia può crescere solo di dimensioni.

    La forma cronica della tromboflebite dura a lungo, diventando sempre più acuta. Durante i periodi di remissione, i segni esterni possono scomparire. Per saperne di più sui sintomi della tromboflebite delle vene profonde e superficiali degli arti inferiori leggi qui (+ foto).

    diagnostica

    Diagnosticare la malattia è facile Fin dalle prime ore di manifestazione, presenta sintomi caratteristici caratterizzati da dolore, arrossamento e indurimento della vena, bloccati da un trombo. Per la forma acuta, sindrome da dolore acuto severo particolare. La diagnosi della malattia viene effettuata dopo un esame e una raccolta di dati sull'anamnesi.

    I metodi di ricerca hanno lo scopo di confermare la diagnosi proposta, determinare la posizione e le dimensioni di un coagulo di sangue e valutare il rischio della sua separazione. Per questo è sufficiente l'ecografia delle gambe. Per confermare la diagnosi, eseguire la scansione duplex a colori a ultrasuoni.

    Oltre ai dati clinici, possono essere utilizzati altri metodi di diagnosi del sistema venoso. Quando la venografia può determinare la trombosi. Gli studi di laboratorio sono stabiliti alcuni importanti fattori di coagulazione del sangue.

    Metodi di trattamento

    Tutti gli stadi della malattia dovrebbero essere trattati in modo completo. Per fare ciò, utilizzare metodi conservativi e chirurgici, la cui scelta dipende dalla posizione della lesione, dalla lunghezza della trombosi e dalla posizione dell'embolo. Il trattamento conservativo è usato per tromboflebite acuta delle vene sottocutanee degli arti inferiori e per la trombosi segmentaria e l'intervento di embolia.

    I metodi conservativi includono:

    1. L'uso di unguenti a base di eparina, che rallenta la coagulazione del sangue.
    2. Fisioterapia, costituita dalle seguenti forme di esposizione:

    • Radiazione ultravioletta, che ha un effetto anti-infiammatorio e curativo.
    • La radiazione infrarossa, che rimuove il gonfiore, aumenta le proprietà protettive della cellula e riduce il dolore.
    • Elettroforesi con l'uso di ipocoagulanti e antiaggreganti, che attivano gli enzimi che migliorano il metabolismo, riducono l'infiammazione e rendono il sangue più sottile.
    • Terapia magnetica che stimola la parete muscolare della vena, che a seguito di contrazioni spinge il sangue stagnante.
    • Terapia laser che migliora la nutrizione cellulare e accelera la riparazione dei tessuti.
    • La baroterapia, in cui il metodo di cambiamento della pressione ambientale migliora la nutrizione cellulare e l'edema è eliminato, e le ulcere trofiche possono essere curate.

    A volte i medici sono autorizzati a ricorrere a metodi popolari.

  • Il trattamento farmacologico è ridotto all'uso di:
    • Decongestionanti non steroidei.
    • Angioprotectors.
    • Farmaci antipiastrinici.
    • Enzimi.
    • Antibiotici penicillina.
  • La chirurgia è considerata il metodo più efficace per controllare la tromboflebite. I medici effettuano il trattamento nel modo meno traumatico, mentre rimuovono l'intera area danneggiata della vena. Sviluppato molti tipi di operazioni che dipendono dallo stato della nave e dalla posizione di un coagulo di sangue.

    La chirurgia per tromboflebite superficiale è fatta con:

    • I pericoli della tromboembolia polmonare;
    • Tromboflebite ascendente delle vene superficiali degli arti inferiori;
    • Localizzazione di un coagulo di sangue in una vena grande o piccola safena;
    • I pericoli di lasciare un trombo in una vena profonda;
    • La presenza di attacchi della fase acuta della malattia;
    • Lancio di sangue dalle vene profonde nel sottocutaneo.

    Prognosi e misure preventive

    Nei pazienti con tromboflebite superficiale, nella maggior parte dei casi, la prognosi è favorevole. La situazione dei pazienti con flusso sanguigno venoso non restaurato è peggiore. In questo caso, l'insufficienza venosa, la sindrome infiammatoria e dolorosa pronunciata, le ulcere trofiche, che possono portare alla completa invalidità, stanno progredendo.

    La conseguenza più grave della malattia è l'embolia polmonare. Se è successo in un grande ramo, è fatale: in un piccolo ramo, con il giusto trattamento tempestivo, la prognosi può essere favorevole.

    Le misure preventive non specifiche comprendono il trattamento tempestivo delle malattie complicate dalla tromboflebite, nonché il ripristino del bilancio idrico durante il periodo perioperatorio, la prevenzione dei disturbi respiratori e la terapia fisica.

    Si consiglia di tenere le gambe sulla pedana e utilizzare farmaci che correggono il sistema di omeostasi e proprietà reologiche del sangue. Inoltre, per evitare la comparsa di peso in eccesso, indossare scarpe con i tacchi bassi, mangiare bene, utilizzare complessi vitaminici, soprattutto in primavera. E la cosa principale è ricordare che è sempre più difficile essere trattati piuttosto che prevenire una malattia.



    Articolo Successivo
    Piedi doloranti: cause, trattamento e prevenzione